Vota questo post

invidia

Invidia e pessimismo: consigli per imparare a gestirli

Capita a tutti noi di provare invidia per qualcuno, ad esempio, per una persona che non apprezziamo molto, ma che ha successo, o delle volte, nei confronti di un amico a cui vogliamo bene e al quale, in un periodo per noi veramente brutto, le cose stanno andando per il verso giusto. Soprattutto in quest’ultimo caso, a prevalere, accanto ad un vero e proprio “pessimismo cosmico” (“tutto mi andrà sempre male!”), è il senso di colpa per l’invidia che proviamo per la persona a noi cara.

Ecco alcune strategie che è possibile utilizzare quando vi capita di provare invidia nei confronti di qualcuno.

 1. Non combattere contro i tuoi sentimenti.

Innanzitutto evitate di combattere contro il vostro stato d’animo e di fustigarvi per il fatto di provare invidia: più cercherete di combatterla, più vi tornerà indietro amplificata. Cercate, invece, di prenderne atto, magari dicendo a voi stessi: “ok…sono invidioso di…” e provate, in seguito, a domandarvi “che comportamento/atteggiamento ha messo in atto tizio, per arrivare a raggiungere quell’obiettivo?”. Prendere ispirazione da modelli positivi, può aiutarci a migliorare, a crescere e uscire dal circolo vizioso della negatività.

 2. Allenatevi a celebrare i successi degli altri

Cambiare i nostri comportamenti è il modo migliore per cambiare i nostri pensieri e le nostre emozioni. Se provate invidia per un vostro caro amico, come suggerito poco fa, dopo aver preso atto di questa emozione, se ve la sentite, congratulatevi con la persona in questione. Se fatto dopo avere preso consapevolezza dei vostri stati d’animo, vi aiuterà a sentirvi meglio.

 3. Pessimismo cosmico versus agisci per cambiare

Se è assolutamente normale provare emozioni come l’invidia, è altrettanto naturale che, insieme ad essa, si accompagni una visione pessimistica della propria vita. Inizia a pensare che più assumi un atteggiamento negativo, più- per effetto della profezia che si auto-avvera– senza volerlo, darai vita ad un periodo, di fatto, negativo. Se proprio senti di non riuscire a contenere questa negatività, creati uno spazio, nel corso della giornata, all’interno del quale riversare tali pensieri negativi; successivamente prova a riflettere, partendo da questa domanda: “per peggiorare ancora di più il mio periodo negativo, cosa dovrei fare o non fare, pensare o non pensare, per peggiorarlo maggiormente?”; infine, cerca di capire cosa puoi fare concretamente per cambiare questa situazione e ogni giorno proponiti un micro obiettivo da raggiungere.

Lettura di approfondimento:  5 sindromi Disney: quando dietro un personaggio si nasconde un disturbo

Ricorda che siamo artefici del nostro destino e solo ponendoci nel ruolo di protagonisti attivi della nostra vita, è possibile realizzare realizzare i propri obiettivi.

Fonte originale

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.