Cromoterapia: quando il colore alimenta il benessere

Cromoterapia: quando il colore alimenta il benessere

Cromoterapia: quando il colore alimenta il benessere
Vota questo post

cromoterapia

Cosa è la cromoterapia?

La cromoterapia ha origini molto antiche, dal momento che il sapere tradizionale riconosce l’importante influenza esercitata dai colori sul nostro stato d’animo. Gli Egizi ed i Greci, per esempio, dipingevano con colori ben precisi le stanze dei luoghi di cura o ancora, facevano uso di particolari pietre o unguenti colorati per combattere alcuni dolori. I Romani si esponevano alla luce diretta del sole (elioterapia) per curare taluni disturbi.

Oggi le ricerche e gli studi condotti sugli effetti della cromoterapia, confermano il valore di tale terapia, in particolar modo gli effetti benefici che esercita nel sistema nervoso e immunitario.

La logica che sta alla base della cromoterapia, pertanto, è piuttosto semplice: essa utilizza i colori per influenzare mente e corpo della persona, al fine di aiutarla a ritrovare un equilibrio funzionale ed una sensazione generale di benessere psicologico e fisico. Uno degli assunti base della terapia del colore, è il fatto che esso sia sostanzialmente luce ed in quanto fonte luminosa è dotato di energia.

Come funziona?

Assorbendo, pertanto, attraverso diverse modalità, i colori, è possibile attraverso le energie che irradiano, contribuire a modificare l’equilibrio elettromagnetico ed energetico del corpo. Ogni singola parte del corpo, infatti, secondo la cromoterapia è dotato di un particolare “livello di vibrazione energetica”, ognuna delle quali, contribuisce a creare, in modo armonico, una particolare identità energetica. Ogni individuo è dotato, dunque, di un suo personale livello energetico che deve essere mantenuto tale per sperimentare una sensazione costante di benessere.

Nel momento in cui ci si ammala, l’organo colpito dalla malattia, è come se avesse subito un’alterazione nel suo livello di vibrazione e la cromoterapia, attraverso un vero e proprio bagno di colori, aiuta a ripristinare il livello energetico ottimale. Occorre suggerire che le pratiche suggerite dalla cromoterapia non vanno sostituite alla terapia farmacologica o alle terapie indicate dai medici, è consigliabile, invece, sotto il controllo del proprio medico di fiducia, combinarle insieme e vivere le terapie alternative come momenti per concentrare le proprie energie al fine di ottenere una sensazione generale di benessere psico-fisico.

Lettura di approfondimento:  Binge eating: mangiare e abbuffarsi che immenso piacere!

Diverse forme di cromoterapia

Oltre alla classica cromoterapia che consiste nel sottoporre le parti del corpo che causano dolore ad irradiazione di colori, esistono diverse tipologie di cromoterapia, le più famose sono:

  • Il bagno di colori e di luce con i quali, attraverso l’irradiazione di specifici colori, si sottopone il corpo ad un “bagno rigenerante”.
  • Alimenti o indumenti irradiati con i colori che una volta ingeriti o indossati contribuiscono a ripristinare l’equilibrio energetico.
  • La cromopuntura attraverso la quale l’irradiazione di colore viene effettuata in precisi punti del corpo, considerati i punti energetici e vitali (per esempio nei punti meridiani del corpo).
  • Il bagno cromatico in acqua, dove ci si immerge letteralmente in una vasca con acqua irradiata con uno o più colori per un determinato periodo di tempo.
  • L’acqua solarizzata, con questo tipo di cromoterapia, l’acqua potabile viene sottoposta all’irradiazione di colori specifici per poi essere bevuta in momenti precisi della giornata.

cromoterapiaEffetti dei colori

Qui di seguito propongo una breve descrizione dei colori base utilizzati nella cromoterapia ed i loro principali effetti.

Rosso

Rappresenta il colore che fornisce carica ed energia fisica, psichica e sessuale. Viene pertanto utilizzato per alcuni sintomi di depressione, disturbi sessuali (frigidità, impotenza), dolori articolari, sintomi influenzali, spossatezza, sonnolenza e stanchezza. Il rosso contribuisce inoltre ad innalzare la pressione sanguigna e la temperatura corporea.

Blu

Il blu simboleggia la serenità, la calma e la pace interiore. Per tali motivi il blu esercita un notevole effetto rilassante. A livello psico-fisico contribuisce a ridurre l’insonnia, gli stati di nervosismo e agitazione, la pressione arteriosa e il battito cardiaco. Esercita, inoltre, effetti benefici sul fegato, allevia gli stati infiammatori e concilia la concentrazione

Lettura di approfondimento:  Rilassamento distensivo progressivo nello sport e non solo

Giallo

E’ il colore che rappresenta l’energia in continuo mutamente e che suscita una sensazione immediata di benessere, allegria e desiderio di cambiamento. A livello psico-fisico, il giallo, aiuta ad eliminare le tossine, la digestione e l’apparato digerente in generale. E’ utile anche nei periodi di inappetenza e di stanchezza mentale.

Verde

E’ il colore che aiuta a combattere le emicranie e gli stati ansiosi. Da un punto di vista psichico, oltre ad avere effetti rilassanti, contribuisce a ritrovare determinazione e tenacia.

Arancione

L’arancione è il colore che, nella cromoterapia, viene utilizzato per curare problemi tiroidei e asmatici e contribuisce, da un punto di vista psichico, a ritrovare ottimismo e allegria.

Violetto

Colore utilizzato per i problemi connessi alla pelle, ai reni e alla vescica. Da un punto di psichico, invece, incrementa e sostiene la fantasia.

Indaco

E’ il colore dagli effetti tonificanti e depurativi a livello sanguigno, stimola udito, vista e olfatto.

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.