Peak performance: gestire l'ansia e ottenere prestazioni eccellenti

Peak performance: gestire l’ansia e ottenere prestazioni eccellenti

Vota questo post

peak performance

Peak performance: gestire l’ansia e ottenere prestazioni eccellenti

Una condizione tipica che l’atleta deve essere in grado di gestire è il controllo dell’ansia nel corso delle gare, necessaria per raggiungere la peak performance.

E’ possibile distinguere due tipologie di ansia

  1. ANSIA SOMATICA che si riferisce alla dimensione fisiologica e che si manifesta con sintomi quali: rigidità muscolare, aumento del battito cardiaco, sudorazione eccessiva, difficoltà nella respirazione ecc.
  2. ANSIA COGNITIVA che fa riferimento alla componente mentale e che si manifesta attraverso pensieri autosvalutanti, credenze, aspettative fallimentari, distrazioni, immagini negative, pensieri ed immagini spiacevoli.

Arousal, stato di flow e peak perfomance

Lo stato di attivazione fisiologica e comportamentale dell’organismo, viene definito arousal. Nel momento in cui l’atleta deve affrontare una prestazione, una gara, va incontro proprio ad un processo psico-fisiologico tipico dell’arousal:

1) incremento del livello attentivo e della vigilanza

2) preparazione dell’apparato muscolare all’attività

3) attivazione del sistema vegetativo simpatico (polmoni e cuore)

Parallelamente, l’energia psichica prepara la mente dell’atleta ad affrontare la gara. Nel momento in cui i pensieri dello sportivo sono associati ad alta autostima, questa energia psichica risulta essere positiva, al contrario, se connessa a scarsa autostima ed emozioni quali ansia e rabbia, sarà associata ad esiti negativi.

Lo stato di flow

Esiste uno stato di attivazione psico-fisiologica ottimale che permette all’atleta di raggiungere in maniera funzionale l’obiettivo sportivo, tale condizione prende il nome di stato di flow.

All’interno di questa condizione: l’atleta è concentrato e non si lascia influenzare da emozioni pensieri negativi ed ogni sua energia è indirizzata all’esecuzione della prestazione. Ciò che ne consegue è una sensazione di benessere che spingerà l’atleta a replicare il successo ottenuto.

Lettura di approfondimento:  Adolescenza e alimentazione: l'importanza di nutrirsi in modo sano

Si parla di peak perfomance per descrivere una prestazione sportiva eccellente. All’interno di questa condizione, lo sportivo è in grado, attraverso un’elevata concentrazione e un forte senso di coinvolgimento nell’attività, di dar vita ad una perfomance al di sopra dei suoi abituali standard.

Garfield e Bennet (1984) hanno individuato otto condizioni psicofisiche ideali che identificano la peak performance:

  1. Rilassamento mentale (senso di calma, rallentamento della percezione temporale ed elevato grado di concentrazione)
  2. Rilassamento fisico (scioltezza muscolare, fluidità e sicurezza di movimento)
  3. Fiducia e ottimismo (atteggiamento positivo, senso di controllo anche in situazioni di pericolo)
  4. Focalizzazione nel presente (assenza di pensieri relativi al passato o al futuro)
  5. Alto livello di energia psicofisica (gioia, carica fisica, elevate risorse energetiche)
  6. Consapevolezza straordinaria (attenzione elevata verso il proprio corpo e l’ambiente)
  7. Controllo della situazione (esecuzione automatica)
  8. Senso di isolamento (completo distacco dall’ambiente esterno, completo accesso alle proprie capacità)

Gli studi scientifici hanno dimostrato che più l’atleta è in grado di entrare in uno stato di flow e riesce a mantenerlo, maggiori saranno le probabilità che manifesti una condizione di peak perfomance.

*Associazione Italiana di Psicologia dello Sport di Roma

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.