Tricofagia: la sindrome della principessa Raperonzolo
Vota questo post

tricofagia

Tricofagia: la sindrome della principessa Raperonzolo

Tutti conosciamo la storia di Raperonzolo, famosa per la sua folta chioma. Da un po’ di anni a questa parte, però, con questo nome si fa riferimento anche ad una sindrome alquanto strana ma, al contempo, molto diffusa: la sindrome di Rapunzel. Nota alla comunità scientifica come tricofagia, questo disturbo fa la sua comparsa in letteratura nel 1889, ma soltanto nel 1987, viene riconosciuta dalla psicologia come disturbo.

Tricofagia e tricotillomania

La tricofagia è spesso connessa alla tricotillomania, un disturbo compulsivo che spinge la persona a tirarsi i capelli (arrivando a staccarsi ciocche intere di capelli, fino a casi estremi di calvizia). In genere, accade che la persona vittima di tricotillomania, finisca con lo sviluppare la compulsione a mangiare i capelli.

Sintomi e trattamento della sindrome Rapunzel

Dolori addominale, nausea, perdita di appetito,  vomito, perdita di peso, sanguinamento o perforazione intestinale sono alcuni delle conseguenze provocate da questa sindrome. Nei casi più gravi, la massa di capelli si accumula con il cibo ingerito, fino ad arrivare a formare una palla che può provocare gravi conseguenze, tali da richiedere l’intervento chirurgico.

Un trattamento efficace per la sindrome di Rapunzel, è la terapia strategica breve, che attraverso dei precisi protocolli di intervento, si pone l’obiettivo di interrompere la dinamica che contribuito a trasformare il problema, in una compulsione basata sul piacere.

Fonte originale

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


Lettura di approfondimento:  Disturbo borderline: emozioni ed esplosioni di rabbia come gestirle?