YOU LOVE SHOPPING? QUANDO LO SHOPPING DIVENTA UN’OSSESSIONE COMPULSIVA - Psicologa Milano - Simona Lauri, Psicoterapeuta e mental trainer

SHOPPING COMULSIVOQUANDO LO SHOPPING DIVENTA UN’OSSESSIONE COMPULSIVA

You love shopping? Il Black Friday inaugura la stazione natalizia e la corsa alla ricerca del regalo giusto da mettere sotto l’albero.

Dopo questa bellissima stagione, arriverà un momento tanto atteso da molte donne, e non solo: il periodo dei saldi, in il periodo in cui andare alla ricerca di quel prezioso capo scontato, di quel paio di scarpe tanto desiderato e di quella borsa griffata tanto sognata.

Tutti siamo andati alla ricerca di qualche affare nel periodo dei saldi e tutti ci siamo dedicati a una giornata interna di shopping.

Tuttavia, questa pratica che per molti può essere motivo di svago e di relax, per altri diventa un’ossessione impossibile da fermare che spinge a comprare tantissimi prodotti perdendo spesso il controllo.

DEFINZIONE

Le festività natalizie sono spesso un momento in cui le persone possono concedersi cose che normalmente non rientrano nei loro budget; le folli spese sono anche comuni tra le persone che hanno recentemente acquisito una grande eredità o che hanno vinto una somma significativa di denaro.

In quanto tale, l‘apparente acquisto impulsivo fatto da queste persone non costituisce necessariamente una dipendenza dallo shopping.

Le persone che, invece, spendono usualmente più del loro budget comprando più di quello che è loro necessario, nascondendo gli acquisiti ad amici e familiari, possono essere affette da un disturbo da shopping compulsivo.

Il disturbo dello shopping compulsivo, noto anche come disturbo compulsivo all’acquisto, è caratterizzato da un’eccessiva preoccupazione o da un cattivo controllo degli impulsi nei confronti dello shopping spesso seguito da conseguenze negative, come conflitti coniugali e/o problemi finanziari.

DIFFUSIONE

Circa il 6% della popolazione degli Stati Uniti si può dire di avere un comportamento di acquisto compulsivo, di cui l’80% donne. Tuttavia, è probabile che il comportamento di acquisto compulsivo aumenti per gli uomini con l’evoluzione del commercio digitale: ora è molto più facile e veloce trovare quello che stai cercando.

A differenza di altre dipendenze, che prendono piede durante l’adolescenza, questa forma di dipendenza si sviluppa soprattutto intorno ai 30 anni, quando la maggioranza delle persone raggiunge l’indipendenza finanziaria.

CARATTERISTICHE

Per quanto il disturbo in oggetto non sia riconosciuto come una vera e propria dipendenza, esso sembra condividere alcune caratteristiche comuni con altri disturbi da dipendenza.

1. Acquisto impulsivo. Gli acquirenti compulsivi spesso acquistano cose d’impulso di cui possono benissimo fare a meno e spesso cercano di nascondere le loro abitudini di shopping.

2. Sensazione di benessere subito dopo l’acquisto. Gli acquirenti compulsivi provano un senso di eccitazione quando comprano. L’esperienza euforica (sentirsi felice o potente) non deriva dal possedere qualcosa di valore ma dall’atto di acquistarlo. Questa eccitazione può creare dipendenza.

3. Ricerca di shopping per smorzare emozioni spiacevoli. Lo shopping compulsivo è un tentativo di riempire un vuoto emotivo, come la solitudine, la mancanza di controllo o la mancanza di autostima. Spesso, uno stato d’animo negativo scatena la voglia di fare acquisti. Tuttavia, la diminuzione delle emozioni negative è temporanea ed è sostituita da un aumento di ansia o senso di colpa.

4. Senso di colpa e rimorso. Gli acquisti sono seguiti da sentimenti di rimorso: le persone si sentono colpevoli e irresponsabili per gli acquisti fatti. Il risultato potrebbe essere un circolo vizioso cioè, l’aumento di una sensazione negativa che alimenta il bisogno di correzione della stessa acquistando qualcos’altro. Gli oggetti acquistati possono essere di vario tipo: vestiti, scarpe, gioielli e articoli per la casa, come contenitori, piatti, ecc.

La maggior parte delle persone affette da disturbo dello shopping compulsivo preferisce fare acquisti da soli o online, piuttosto che sottoporsi a potenziali imbarazzi acquistando con altre persone, soprattutto parenti e amici.

La ricerca ha dimostrato che il comportamento compulsivo dello shopping è spesso accompagnato da depressione, ansia e altre emozioni negative.

In effetti, le persone colpite da disturbo compulsivo dello shopping spesso riportano una tensione interna spiacevole che viene alleviata, almeno temporaneamente, proprio dallo shopping.  Nonostante questo sollievo temporaneo, molte persone con questo disturbo si sentono deluse da se stesse e fortemente depresse per la loro apparente mancanza di controllo sul loro comportamento.

Come gli altri comportamenti di dipendenza, inoltre, lo shopping compulsivo può causare cambiamenti anche nell’attività cerebrale.

Uno studio pubblicato nel Journal of Consumer Policy ha confrontato le immagini cerebrali ottenute tramite risonanza magnetica di 23 donne con disturbo da shopping compulsivo le immagini di 26 donne che non presentavano il disturbo.

I ricercatori hanno scoperto che mentre facevano shopping, le acquirenti compulsive avevano una maggiore attività cerebrale nelle regioni del cervello responsabili del processo decisionale.

COME FRENARE LA VOGLIA DI SPENDERE?

Il primo passo più efficace nel trattamento del disturbo è identificare perché e come il bisogno di acquisto sia diventato un problema. Una strategia utile è quella di tenere traccia dei trigger scatenanti, ossia delle emozioni negative come conflitti familiari, ansia o solitudine, che possono spingere a mettere in atto comportamenti di shopping compulsivo.

Un’altra strategia utile può essere quella di gestire in maniera strategica le carte di credito: se proprio non possiamo fare a meno di avere nel portafoglio una carta di credito, utilizziamo una prepagata.

TRATTAMENTO

Sebbene i risultati della ricerca siano ancora contrastanti, vi sono alcune prove che il disturbo da shopping compulsivo risponde molto bene al trattamento con inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI).

Ci sono anche prove che la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) possa anche essere efficace nel ridurre i sintomi in molti consumatori compulsivi, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare quali tipi di terapia siano efficaci e per chi.

Nonostante le ricerche sul trattamento siano ancora in atto, è possibile smettere di fare shopping compulsivo come dimostra la storia di Iris Balin, una donna di Pottstown, in Pennsylvania.

“Mio padre era un contabile e sono cresciuta in una casa molto frugale”, dice Balin. “Finché non sono uscita di casa per sposarmi, non potevo spendere soldi per conto mio. Mio marito era anche molto controllore quando si trattava di spendere soldi e, sfortunatamente, non è mai stato bravo a mantenere un lavoro.

Dopo aver divorziato, io ho trovato un lavoro come agente immobiliare e ho iniziato a guadagnare da sola e per la prima volta nella mia vita potevo fare shopping da sola: fare shopping era un tipo di libertà che mi piaceva molto”.

“Per un po ‘lo shopping è stato divertente”, ricorda, “ho fatto viaggi e crociere, ho comprato un sacco di cose per i miei nipoti, ho comprato un costoso set da tè inglese che ho visto in televisione e non ho mai usato.

Lo shopping era diventato un modo per lenire il dolore emotivo ma non riuscivo a tenere il passo con i pagamenti con la carta di credito”.

Ad un certo punto, quello che rappresentava una forma di libertà e di dimostrazione della propria indipendenza, diventa un’ossessione e una necessità compulsiva.

“Una volta saputo che avevo un problema serio, si trattava di tornare alle origini”, dice Balin.

“Ho dovuto sbarazzarmi di tutte le mie carte di credito, sapevo che dovevo iniziare a fare acquisti con una lista delle cose di cui avevo veramente bisogno: ci è voluto un po ‘, ma sto tenendo le cose sotto controllo.

POSSIBILI CAUSE

Le cause possono essere:

–         Presenza di un trauma emotivo o di una forte privazione nell’infanzia.

–         Necessità di approvazione.

–         Bisogno di controllo .

–         L’esigenza di riempire un vuoto interiore.

Potresti essere un cliente compulsivo se:
  • Fai acquisti per evitare di provare sentimenti dolorosi
  • Compri molte cose che non ti servono realmente
  • Preferisci fare acquisti da solo
  • Nascondi ciò che acquisti dagli altri
  • Ti senti in forma quando si fa shopping e colpevole dopo lo shopping
  • Ti trovi in difficoltà finanziaria a causa dello shopping
  • Stai avendo problemi emotivi a causa dello shopping

SUGGERIMENTI PER LA GESTIONE DELLO SHOPPING COMPULSIVO

Il miglior consiglio è di non fare acquisti quando vi trovate in uno stato emotivo fragile e labili, soprattutto quando avvertite un forte vuoto emotivo. È importante trovare modi più sani per gestire le proprie emozioni.

È necessario poi prendere consapevolezza del problema e chiedere aiuto ai professionisti della salute mentale.

A tal proposito risultano molto utili i gruppi di auto e mutuo-aiuto dove si entra in contatto con persone che manifestano le stesse difficoltà; lo scambio di informazioni e di esperienze è di per sé teraputico.

Sbarazzatevi poi delle tue carte di credito, evitate i siti di acquisti online e i canali di acquisto TV.

Secondo la Mayo Clinic, i programmi di terapia cognitivo comportamentale (CBT) rappresentano il gold standard nella modificazione del comportamento disturbante.

Vi è poi anche la possibilità di ricorre ad alcuni farmaci per favorire il rilassamento durante il giorno e/o per aiutare a dormire durante la notte.

Qualunque sia la tipologia terapeutica, forse il fattore più importante che influisce su un risultato positivo è l’individuazione precoce.

Se pensi di avere un problema come la dipendenza da shopping o se sei preoccupato per qualcun altro che potrebbe averla, dovresti sapere che l’aiuto è disponibile ma bisogna essere tempestivi nel richiederlo.

 

fonti

 

https://www.verywellmind.com/what-is-compulsive-shopping-disorder-2510592https://www.psychologytoday.com/us/blog/science-choice/201806/5-patterns-compulsive-buying-disorderhttps://www.psychologytoday.com/us/blog/science-choice/201806/5-patterns-compulsive-buying-disorder https://www.everydayhealth.com/depression/how-i-stopped-compulsive-shopping.aspxhttps://www.psychguides.com/guides/how-to-find-help-treating-a-shopaholic/

 

VIDEOCORSO

FERMA LA FAME EMOTIVA

Ti sei mai trovato/a o tuttora ti trovi a vivere il cibo come una vera e propria ossessione al punto tale da trasformare il momento dei pasti in un “incubo”? O ancora, combatti con i chili in eccesso e per questo ingaggi vere e proprie lotte con la bilancia?

Il video corso “FERMA LA FAME EMOTIVA CON LA MINDFUL EATING” sarà in grado di offrirti una bussola per allineare le tue intenzioni con le tue azioni quotidiane.

SCOPRI DI PIU'



Contatta la psicologa

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


    Dott.ssa Simona Lauri
    Dott.ssa Simona Lauri
    Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.