Paura del fallimento: consigli pratici per gestirla e superarla

Paura del fallimento: consigli pratici per gestirla e superarla

Paura del fallimento: consigli pratici per gestirla e superarla
Vota questo post

paura del fallimento

Paura del fallimento: consigli pratici per gestirla e superarla

Ti è mai capitato di aver paura di non riuscire a realizzare qualcosa al punto tale da decidere di non provarci nemmeno? 

La paura di non riuscire a raggiungere i propri obiettivi può immobilizzare – può provocare in noi un senso di disfatta e di rinuncia. Chiaramente, quando permettiamo alla paura di fermare i nostri progetti, rischiamo di perdere per strada numerose opportunità.
In questo articolo, esamineremo la paura del fallimento: che cosa significa, che cosa la innesca e come superarla per godere del vero successo nel lavoro e nella vita.

Cause della paura del fallimento

Per trovare le cause della paura di fallire, dobbiamo prima capire che cosa si intende per “fallimento”.
Ciascuno di noi ha un’idea precisa di cosa si intende per fallimento, frutto del nostro sistema di valori, credenze: ciò che per una persona rappresenta una cocente esperienza di fallimento, per un’altra può rappresentare un’occasione di crescita.
Come accennato in precedenza, tutti noi abbiamo sperimentato questa forma di paura; si parla, però, di una vera e propria paura di fallire (chiamata anche “Atychiphobia”) quando la persona interrompe qualsiasi azioni finalizzata al raggiungimento dei propri obiettivi.

Paura del fallimento: possibili cause

La paura del fallimento può essere collegata a molte cause. Ad esempio, l’avere avuto genitori critici o poco supportivi. Dal momento che sono stati sistematicamente umiliati nell’infanzia, molte persone si portano dietro, in età adulta, sentimenti negativi e scarsa autostima.
Un’altra causa potrebbe essere l’aver vissuto un evento considerato “traumatico”. Ad esempio aver fatto una pessima presentazione di fronte al pubblico. Un’esperienza di questo genere può portare la persona a sperimentare la paura di fallire e dunque evitare situazioni che possano esporla a tali emozioni.

Lettura di approfondimento:  Gestire l'ansia sociale

“Sintomi” della paura del fallimento

Una riluttanza a provare cose nuove o a essere coinvolti in progetti impegnativi.
Auto-sabotaggio – per esempio, procrastinare o non riuscire a perseguire gli obiettivi.
Bassa autostima o fiducia in se stessi – che solitamente si esprime con dichiarazioni negative come “Non sarò mai capace di ottenere quella promozione,” o “io non sono abbastanza in gamba per entrare in quella squadra.”
Il perfezionismo , vale a dire, la tendenza a provare solo le cose che sai che riuscirai a portare a termine perfettamente con successo.

Fallimento: diversi punti di vista

E ‘quasi impossibile affrontare la vita senza provare una qualche forma di fallimento. Come per ogni esperienza, la cosa sorprendente del fallimento è che siamo noi a decidere che valore e che significato attribuirgli.

Possiamo scegliere di vedere il fallimento come “la fine del mondo”, o come il banco di prova della nostra incapacità, oppure, possiamo guardarlo come un’occasione di apprendimento e di crescita. Ogni volta che non riusciamo a realizzare qualcosa, possiamo scegliere di cercare capire la “lezione” che ci insegna: crescere, impedire di fare i medesimi errori ecc…

Esempi di persone di successo che hanno fallito

E ‘facile trovare persone di successo che hanno sperimentato il fallimento. Per esempio:
Michael Jordan è ampiamente considerato come uno dei più grandi giocatori di basket di tutti i tempi. Eppure, è stato escluso dalla sua squadra di basket del liceo, perché il suo allenatore pensava non avesse abbastanza abilità.
Warren Buffet, un importante e ricco imprenditore di successo, è stato respinto dalla Harvard University.
Richard Branson, proprietario dell’impero Virgin, ha abbandonato le scuole al liceo.

La maggior parte di noi “inciampa e cade” nella vita, ma, provate ad immaginare se Michael Jordan avesse rinunciato al suo sogno di giocare a basket esattamente quando è stato tagliato da quella squadra. Immaginate se Richard Branson avesse ascoltato le persone che gli dissero che non sarebbe mai stato in grado di realizzare qualcosa di buono, senza un diploma di scuola superiore.

Lettura di approfondimento:  Paura della morte: gestire la paura della morte di una persona cara

Superare la paura del fallimento

Qui di seguito alcuni consigli utili per cercar di gestire la paura di fallire

  1.  Analizza tutti i risultati possibili – Molte persone sperimentano la paura del fallimento perché temono l’ignoto. Prova a superare la paura passando in rassegna tutti i potenziali esiti della tua decisione.
  2. Impara a pensare positivo. Il pensiero positivo è un modo incredibilmente potente per costruire fiducia in se stessi e neutralizzare meccanismi di auto-sabotaggio
  3. Prefigurati lo scenario peggiore – In alcuni casi, pensare agli esiti negativi, se da un lato può sembrare difficile, dall’altro può essere utile per razionalizzare meglio paure per esempio infondate o ancora aiutare a trovare anche negli esiti più nefasti, possibilità di crescita.
  4. Prepara un piano di emergenza – Se hai paura di fallire in qualcosa, organizza un “piano B”, un piano di azione che ti faccia sentire sicuro.

Altri consigli per superare la paura del fallimento

  1. Utilizza il Goal Setting. Se hai paura del fallimento, potresti anche provare ansia e nervosismo all’idea di stabilire degli obiettivi. Individuare degli ben precisi può aiutarti a definire meglio dove desideri andare. Senza obiettivi, non abbiamo una meta sicura.
  2. Molti esperti raccomandano la tecnica della visualizzazione come un potente strumento per la definizione degli obiettivi. Prova a immaginare come sarà la tua vita dopo aver raggiunto il tuo obiettivo, spesso, questo scenario funge da leva per spingerti ad andare avanti.

Può accadere, tuttavia, che la visualizzazione produca, in persone che sperimentano elevati livelli di ansia, risultati opposti: prefigurarsi la meta finale crea in loro una sorta di ansia da prestazione ed una sensazione di scoraggiamento.

Cosa fare in questi casi?

Inizia proponendoti di raggiungere piccoli obiettivi. Pensare a questi obiettivi come a dei piccolissimi step progettati per il raggiungimento della meta finale può contribuire a rafforzare la fiducia.

Lettura di approfondimento:  Ansia generalizzata: guida per comprenderla e gestirla

Facendo un piccolo passo alla volta imparerai a costruire, gradualmente, la fiducia in te stesso, ad andare avanti e non fermarti e a raggiungere, quasi senza rendertene conto, l’obiettivo finale senza sentirti sopraffatto da ansie e paure eccessive.

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.