Rilassamento distensivo progressivo nella sport e non solo
Rilassamento distensivo progressivo nello sport e non solo
Vota questo post

rilassamento distensivo progressivo

Rilassamento distensivo progressivo nella prestazione sportiva

Quali sono i passi che guidano un atleta verso una perfomance impeccabile? In che modo un calciatore, un tennista o una squadra di pallavolo possono mettere in pratica la “tattica perfetta” anche in situazioni di difficoltà o di svantaggio rispetto all’avversario?

Un buon livello di controllo delle emozioni e dei pensieri negativi, dello stress, una gestione efficace dei fattori di distrazione, insieme al costante allenamento fisico, permettono all’atleta, di compiere prestazioni sportive eccellenti. Affinchè ciò si possa realizzare, è necessario che l’atleta segua un programma di mental training costruito ad hoc per lui e le sue caratteristiche non solo prettamente fisiche e sportive, ma anche rispetto alle sue personali inclinazioni, alla sua personalità e ai suoi ritmi.

Una tecnica molto diffusa, nei programmi di mental training, è quella del rilassamento distensivo progressivo

 

Quali sono le applicazioni della tecnica del rilassamento distensivo progressivo nei programmi di allenamento mentale?

Le tecniche di rilassamento consentono all’atleta di:

  • Gestire al meglio eventi e situazioni fonti di stress e ansia
  • Prendere consapevolezza dei propri stati di tensione muscolare, sia in condizioni di riposo che in condizione di attività fisica
  • Prendere coscienza del proprio corpo e saperlo “ascoltare”

Come funziona una sessione di rilassamento distensivo progressivo in un programma di mental training?

La tecnica del rilassamento distensivo progressivo* si basa sulla concentrazione nelle varie zone del corpo, da sottoporre a rilassamento. Le parti del corpo interessate in successione, sono: piedi, polpacci, gambe, addome, braccia, mani, collo e muscoli del viso. L’intera sessione può durare da 5 a 10 minuti circa.

Lettura di approfondimento:  Distrazione nello sport: sei consigli gestire i fattori di distrazione nello sport

Praticando il rilassamento distensivo-progressivo, l’atleta si renderà conto e prenderà consapevolezza delle proprie zone di maggiore tensione che,solitamente, sono: polpacci, collo, spalle ecc…

Per praticare il rilassamento è importante che lo sportivo scelga un luogo tranquillo ed un orario che gli permetta di non essere disturbato da impegni o persone. Utile, per trovare una maggiore e più rapida concentrazione, è l’ausilio di qualsiasi genere musicale  (stile new age) che aiuti a distendersi e rilassarsi. E’importante, inoltre, precisare che risulta basilare l’atteggiamento mentale col quale l’atleta si approccia alla pratica del rilassamento distensivo: lo scetticismo, da un lato e un’aspettativa elevata circa risultati eccellenti in tempi brevi, portano a rendere meno efficace la seduta di rilassamento stesso.

Dott.ssa Simona Lauri, Psicologa Milano

*Associazione Italiana di Psicologia dello Sport di Roma

 

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.