Pubblicità e marketing alimentare: come guidano i tuoi acquisti?

Marketing alimentare e pubblicità: come guidano i tuoi acquisti?

Marketing alimentare e pubblicità: come guidano i tuoi acquisti?
Vota questo post

marketing

Marketing alimentare e pubblicità: come guidano i tuoi acquisti?

Il marketing degli alimenti e delle bevande ipercaloriche è correlato ad un aumento dell’obesità e del sovrappeso. In una società sempre più consumistica, l’ambiente nel quale viviamo è sempre più “tossico”, contribuisce, cioè ad incrementare i casi di obesità e chili in eccesso, con tutte le problematiche che ne consegue (ipertensione, diabete ecc…).

Ma in che modo la società attuale contribuisce a creare questo ambiente tossico?

Sicuramente, un elemento che gioca un’influenza fondamentale, è il marketing, la pubblicità veicolata dai mass media…ma non solo. Altri elementi che contribuiscono a incrementare il fenomeno dell’obesità, sono:

  1. La pubblicità: i fondi stanziati dal governo per programmi di educazione sono molto inferiori a quelli spesi da industria alimentare per reclamizzare i propri prodotti
  2. Una maggiore accessibilità e disponibilità ai cibi
  3. La quantità viene favorita alla qualità: si privilegiano alimenti ad alta densità energetica a basso costo.
  4. I ritmi giornalieri veloci e l’aumento dei pasti consumati fuori casa; riduzione dell’attività fisica (macchine, lavori più sedentari, meno ore dedicate ad attività sportive, tempo libero speso con TV e videogiochi).

Non solo, talvolta, si crea una guerra tra cibi sani e cibi spazzatura, dove spesso, il vincitore è il junk food.

 

CIBI SANI CIBI SPAZZATURA
Peggiore palabilità (ad esempio basso contenuto di zuccheri, grassi, sale) Migliore palatabilità (es. alto contenuto di zuccheri, grassi e sale)
Minore accessibilità Maggiore accessibilità
Minore promozione Maggiore promozione
Maggiori costi  Minor costi

 

Alcuni dati interessanti

  • Circa il 30% del totale di pubblicità che viene trasmessa nelle fasce orarie e nei programmi dedicati ai bambini è dedicato ai prodotti alimentari.
  • Il 95 % dei prodotti alimentari pubblicizzati è rappresentato da alimenti ad alto contenuto di grassi zuccheri o sodio.
  • Nel 2004 per 4 settimane, dal lunedì al venerdì, dalle 15:00 alle 18:00 sono stati trasmessi circa 500 spot sul cibo: un bambino che guarda la TV per 2 ore al giorno, in un anno, è sottoposto a 5.500 pubblicità di snack dolci e salati, bibite, biscotti e gelati.

Marketing alimentare: le armi della pubblicità e l’uso delle emozioni

Dietro ogni pubblicità di un prodotto di consumo, si nasconde uno studio a 360° del messaggio che accompagna il lancio del prodotto stesso.

I Suoni: provate a pensare alle grandi marche di bibite, merendine, pasta ecc…quanti motivi musicali (jingle) rimangono impressi nell’immaginario collettivo con estrema facilità.

Il linguaggio mirato al target: parole semplici se si ci si rivolge ai bambini, slang tipici dei ragazzi ecc…

Testimonials: sono ormai numerosi i prodotti pubblicitari che si avvalgono dell’utilizzo di influencer, ovvero, personaggi famosi o che, comunque, agli occhi del target di riferimento, sono considerati importanti.

Mondo idilliaco e accogliente: attraverso uno studio accurato delle emozioni e dei bisogni del target, il messaggio pubblicitario del prodotto, finisce col “toccare” le corde del consumatore (“è tutto intorno a te”; noi rendiamo più speciali i momenti semplici di tutti i giorni”)

marketing

Mappa del supermercato

Dal punto di vista di un semplice consumatore, un supermercato è soltanto un supermercato. Tutti i giorni, milioni di persone,  si recano e compiono dei gesti piuttosto semplici: scegliere i prodotti disposti nelle varie corsie, riempire il carrello e pagare alla cassa.

“Dietro le quinte” di questi banali gesti, però, la psicologia e uno studio attento della mente del consumatore, sono utilizzati ad hoc per “influenzare” il comportamento d’acquisto e massimizzare il profitto.

  • Format e percorsi prestabiliti. Ti sei mai accorto che tutti i supermercati ci accolgono all’ingresso con frutta e verdura? Frutta e verdura, non sono disposti all’ingresso casualmente ma, al contrario, per inviarci un messaggio ben preciso che, più o meno “suona” così: “benvenuto consumatore, noi qui ci prendiamo cura di te, della tua salute e del tuo benessere e lo facciamo proponendoti i nostri prodotti freschi e salutari!”. Colori, immagini, dunque, tutto è studiato per trasmetterti  idee di salute e freschezza. L’impatto sensoriale di tutti quei profumi, quei colori ci fanno sentire bene, ottimisti e ci invitano a proseguire il nostro giro.
  • Packaging: collegata alla logica dell’idea del benessere, ultimamente molti prodotti cercano di trasmettere naturalità, freschezza e bontà a partire dalle confezioni che vengono curate in ogni dettaglio (confezioni verdi o ocra o ruvide per trasmettere i valori del cibo naturale di una volta)
  • Tutti i beni di prima necessità come pane, latte, uova, sale e zucchero sono lontani dall’ingresso; l’acqua alla fine del percorso. Anche questa disposizione non è casuale. In questo modo, sei costretto ad attraversare numerose corsie e la tentazione di acquistare aumenta incredibilmente. Inoltre, periodicamente, viene modificata la disposizione degli articoli. Per quale motivo? Se ti rechi sempre allo stesso supermercato, imparerai presto a conoscere la collocazione dei vari prodotti e quando fai la spesa, vai a colpo sicuro. Cambiare disposizione, ciclicamente, è una tecnica utilizzata per “spiazzare” il consumatore, che talvolta, vagando alla ricerca di un prodotto in particolare, finisce col comprare anche altre cose.
  • La musica come incentivo all’acquisto: un famoso studio sulla musica di sottofondo nei supermercati, condotto nel 1982, ha scoperto che la gente trascorre il 34% in più del tempo a fare shopping (con un corrispondente aumento delle vendite) nei negozi dove c’è la musica sottofondo. Un’altra curiosità: i supermercati tendono ad essere privi di segnali di tempo esterni, la maggior parte dei negozi,  non ha orologi o finestre, in questo modo, il tempo all’interno del supermercato, trascorre senza che la persona se ne renda conto.
  • Prodotti negli scaffali: In generale, gli articoli più costosi -con margini di profitto elevati- vengono collocati sugli scaffali a livello degli occhi degli acquirenti, mentre le marche meno redditizie vengono collocate nella parte superiore degli scaffali o ai piedi.
  • Raggruppamento di prodotti. I prodotti alimentari  che si “completano a vicenda” si trovano spesso vicini e questo aumenta le probabilità di acquisto. Troverai spesso i condimenti per la pasta nella stessa corsia della pasta.
  • Odori e profumo…nulla è lasciato al caso. Un altro uso tattico nei supermercati è l’odore di pane appena sfornato e di altri odori che stimolano l’appetito. L’odore di pane caldo fa sentire la gente affamata. Ed è risaputo: fare acquisti quando si è affamati porta la persona ad acquistare in misura maggiore rispetto a quando non lo è.
  • Obiettivo: attrarre i bambini. La maggior parte degli espositori collocati in punti strategici come vicino alla cassa o alcune isole centrali, sono ad altezza bambino e la maggior parte delle volte si tratta di snack monoporzione o giocattoli a basso prezzo.

Spesa e alimentazione consapevole

Come è possibile evitare o ridurre:

  • Fare la spesa a stomaco pieno
  • Vivere il momento della spesa come un momento per rigenerarsi e quando è possibile fare la spesa al mercato
  • Approccio consapevole attraverso la mindfulness 
Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


Lettura di approfondimento:  Fame emotiva: impariamo a conoscere il circolo vizioso della abbuffate emotive