Aviofobia: Come gestire la paura dell'aereo, consigli per superarla

Come gestire la paura dell’aereo

aviofobia

aviofobia

Vota questo post

aviofobia

aviofobia

Paura di volare: cosa fare per superarla e gestirla

Il vero problema delle fobie risiede  nell’evitamento dell’oggetto o della situazione temuta.

L’evitamento, purtroppo, provoca a cascata una serie di difficoltà che vanno a compromettere la qualità di vita della persona fobica: nel caso della paura di volare i principali limiti sono:

  • non visitare mai un certo luogo perché troppo lontano, non andare mai a trovare una persona che abita distante
  • rifiutare lavori che implicano viaggi di lunga gittata o trasferte.

Il disagio che si prova in questi casi può essere vissuto come un vero e proprio attacco al proprio senso di autostima: l’aviofobico sente che vorrebbe o dovrebbe fare una determinata cosa, ma non riesce e finisce per rinunciare e lasciarsi alla spalle una serie di importanti opportunità.

La fobia è una lotta con se stessi, con la mente ingovernabile che si ribella alla propria volontà.

D’altra parte, l’aviofobia è una delle fobie per le quali più di frequente è richiesta una cura, anche perché, nella situazione attuale di globalizzazione, difficilmente si possono svolgere alcuni determinati ruoli senza viaggiare molto.

Aviofobia: i corsi delle compagnie aeree funzionano?

Le compagnie aeree, avendo capito l’importanza di questa fobia, hanno istituito dei servizi psicologici privati atti a far cessare la paura di volare.

Siccome questo va nel loro interesse, questi centri cercano di predisporre ad un volo sereno quante più persone possibili: più del 95% riesce poi a prendere l’aereo.

Molte persone però evitano di frequentare questi corsi perché anche qualcosa che gli ricordi solo lontanamente l’aereo è fonte di enorme disagio.

In questi casi la fobia è estremamente difficile da trattare, poiché il paziente stesso è remissivo alla cura.

Aviofobia: consigli 

L’aviofobia come le altre fobie è abbastanza difficile da affrontare ed è abbastanza ostica da sconfiggere; tuttavia, esistono alcuni modi di alleviare questa fobia, rendendola meno potente e limitante

  1. Spesso l’oggetto della nostra fobia, che andiamo puntualmente ad evitare, si trasforma in qualcosa che percepiamo come terrificante e a partire da questa sensazione di ansia, ci sentiamo sempre più giustificati ad evitare e a temere ciò che ci fa paura. È come se lo mitizzassimo, creando attorno ad esso credenze irreali alle quali crediamo fermamente. In realtà è soltanto “richiamando” volontariamente le proprie paure che queste si ridimensionano assumendo connotazioni reali. Pertanto, potrebbe essere utile, pochi giorni prima del volo, cercare di “conoscere meglio” l’oggetto fobico (in questo caso, l’aereo), effettuando una ricerca sui velivoli o guardando dei video sugli aerei che effettuano normali operazioni di decollo o atterraggio. Contrariamente a ciò che si può pensare, la paura non va evitata se la si vuole sconfiggere.
  2. Il giorno del volo, invece,  potrebbe essere utile, invece, sin dal momento del check in, durante tutto il volo, fino alla fase di atterraggio, osservare le persone che aspettano, cercando di rilevare in loro i segni della paura, cercando in loro gli indicatori non verbali della paura di volare. Innanzitutto, ciò servirà a renderci conto di cosa stiamo provando noi, in secondo luogo ci mostra che non siamo gli unici e che, a vari livelli, quasi tutti sono un po’ in soggezione quando l’aereo fa una manovra delicata. Infine, la ricerca servirà a distrarti quindi a trovare un’alternativa alla totale focalizzazione su te stesso e la tua paura.
  3. Se invece vuoi prepararti ad un volo molto prima puoi usare la tecnica della “peggiore fantasia”: prenditi mezz’ora al giorno in una stanza dove non verrai disturbato e prova a prefigurarti tutto ciò che di terribile potrebbe succederti in aereo. Anche se può sembrarti strano, richiamare volontariamente la tua paura, ti permetterà di ridimensionarla notevolmente. 
  4. Sicuramente è importantissimo, nel caso in cui l’aviofobia diventi eccessiva e invalidante, intervenire con l’aiuto di uno specialista che può valutare l’intervento più adatto per il superamento della fobia stessa. 

In studio e on line, attraverso la terapia breve strategica, mi occupo di percorsi finalizzati al superamento della paura di volare. 

Per approfondire leggi:

Ho paura di volare: cosa è l’aviofobia

Ho paura dell’aereo: 4 consigli per gestire l’aviofobia

 

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare a Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Articoli recenti a cura della Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (guarda tutto)


Lettura di approfondimento:  Narcisista e figli: una complessa relazione

Contatta la psicologa

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Comments are closed.