Come aiutare un ipocondriaco: consigli e riflessioni

Come aiutare un ipocondriaco: consigli e riflessioni

Support. Chart with keywords and icons

come aiutare un ipocondriaco

come aiutare un ipocondriaco

Come aiutare un ipocondriaco: consigli e riflessioni

  • Per evitare di entrare nel circolo vizioso dell’ansia e preoccupazione eccessiva per la propria salute vi consiglio di stare lontano dal “dottor Google”.

Il “dottor Google”, infatti, è pieno di insidie: inserisci un sintomo, ad esempio, mal di stomaco e apprenderai che potresti avere qualsiasi cosa, dall’appendicite al cancro esofageo. Diverse ricerche mostrano come le persone sperimentano un livello di ansia più alto, dopo aver controllato internet.

Alcuni ipocondriaci, addirittura, trascorrono tante ore del giorno sul web, al punto che non riescono più a svolgere la loro normale vita quotidiana.

  • Ti consiglio poi di trovare un medico col quale costruire un rapporto fondato sulla fiducia: sii aperto e onesto sulle tue preoccupazioni e lotte continue

Tuttavia, evita di parlare eccessivamente del problema: inizia a pensare che più ne parli, più incrementi ansia e preoccupazione!

  • Prescriviti volontariamente il controllo dei segnali del tuo corpo: chi vive nella costante paura di ammalarsi, si pone in una costante condizione di ascolto dei segnali inviati dal proprio organismo (battito cardiaco, pressione arteriosa ecc…). La terapia breve strategica, seguendo delle logiche paradossali, suggerisce di ritagliarsi uno spazio di tempo entro il quale collocare il monitoraggio dei segnali…(misurare tre volte al giorno la pressione); per quanto possa sembrare “strano, potresti toccare con mano, un effetto “sorprendente”.

Come aiutare un ipocondriaco?

Se qualcuno a te caro sta lottando con l’ipocondria o mostra un’eccessiva preoccupazione per le malattie, ci sono molte cose che puoi fare per aiutarlo.  

1) Incoraggiatele a intraprendere un percorso psicoterapeutico

E’ necessario fare una premessa: la sofferenza di una persona ipocondriaca, non è finta, i suoi vissuti esercitano un impatto negativo sulla sua qualità della vita, sulle sue emozioni, sul suo benessere, sulle sue relazioni e sul funzionamento in generale. Chi è ipocondriaco deve spesso fare i conti con l’insofferenza e l’incomprensione degli altri che, “liquidano” il suo malessere con frasi del tipo “stai tranquillo, sei in perfetta salute” “stai sereno…non ci pensare”. E’ molto più utile riconoscere la sofferenza che prova la persona ipocondriaca e incoraggiarla amorevolmente a farsi supportare da uno psicoterapeuta. 

2) Informati

Per aiutare meglio qualcuno a far fronte a un problema  è utile per capire la natura del problema stesso e alcune raccomandazioni generali per affrontarlo. Informati dunque su questo disturbo leggendo articoli, dispense o libri su di esso; oppure ascoltando video, podcast o audiolibri.  Un esempio “La Paura delle malattie” di A.Bartoletti e G.Nardone

3) Rassicura  ma incentiva una “congiura del silenzio” attorno al problema.

Se la persona ansiosa ti chiede essere rassicurata, puoi rassicurarla sulla sua ansia e sul suo sforzo per gestire l’ansia. Tuttavia, più parli della specifica preoccupazione per la salute su cui si sta concentrando, più convalidi e attribuisci valore alla sue preoccupazioni. 

Ricorda che qualsiasi sollievo dato dalla rassicurazione è di breve durata e l’ansia tornerà presto, più potente.

4) Sii paziente.  

Ricorda di cercare di essere paziente con l’ansia del tuo caro e con i suoi sforzi per gestirla. Non stanno scegliendo di sentirsi ansiosi volontariamente!

La psicoterapia breve strategica, attraverso l’uso di protocolli ad hoc, aiuta il paziente che soffre di ipocondria a fare proprie nuove modalità di comportamento, finalizzate a interrompere il circolo vizioso che ha contribuito alla creazione e alla persistenza del problema.

 

Lettura di approfondimento:  La gelosia...questo folle sentimento: un pò di chiarezza

 

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare a Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Articoli recenti a cura della Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (guarda tutto)


Contatta la psicologa

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Comments are closed.