DISTORSIONI COGNITIVE: Come gestirle contro i disturbi alimentari - Psicologa Milano - Simona Lauri, Psicoterapeuta e mental trainer

DISTORSIONI COGNITIVE: Come gestirle contro i disturbi alimentari

distorsione cognitiva

distorsione cognitiva

distorsione cognitiva

DISTORSIONI COGNITIVE: Come gestirle contro i disturbi alimentari

Cosa sono le distorsioni cognitive?

Una distorsione cognitiva è un modo automatico di interpretare ripetutamente una situazione che ci costringe a non considerare altri punti di vista e possibilità.

A volte vengono anche definiti pensieri disfunzionali, negativi o automatici.

Distorsioni cognitive sul cibo, sul peso e sull’immagine corporea sono un sintomo principale sia dell’anoressia nervosa che della bulimia nervosa e sono sperimentate anche da molte altre persone.

Il trattamento per i disturbi alimentari di solito dà la priorità al ripristino del peso e alla ripresa di abitudini alimentari regolari.

Tuttavia (di solito in seguito), il trattamento si rivolge anche comunemente a modelli di pensiero problematici.

Riconoscere, sfidare e cambiare questi schemi di pensiero negativi è una componente della terapia cognitivo comportamentale.

Quando facciamo troppo affidamento sulle distorsioni cognitive, solitamente interpretiamo gli eventi in modo tale da alimentare emozioni come ansia, depressione o rabbia.

Diverse sono le distorsioni cognitive che possiamo mettere in campo. Vediamole ora per riconoscere e per imparare a gestirle.

Le distorsioni cognitive possono operare in qualsiasi campo della nostra vita, dalla famiglia al lavoro ma, più in generale, nell’alimentazione.

Il pensiero tutto-o-niente è una di queste distorsioni ed è forse quella più estrema.

Questa distorsione cognitiva porta a considerarci un successo o un fallimento, totalmente buoni o totalmente cattivi, perfetti o falliti…

Questo modo di pensare binario non tiene conto delle sfumature di grigio e può essere responsabile di una grande quantità di valutazioni negative di se stessi e degli altri.

Prendi ad esempio un colloquio di lavoro, durante il quale, sei colto di sorpresa da una domanda, non riuscendo così a rispondere come avresti voluto.

Se leggi questa esperienza attraverso la lente del pensiero tutto-o-niente, è probabile che tu riduca le tue prestazioni durante il restante 95% dell’intervista, pensando a quanto sia stato orribile e innescando sentimenti di delusione e vergogna.

Questa distorsione cognitiva stabilisce una regola irragionevole in cui qualsiasi risultato inferiore al 100% equivale allo 0% portando a giudizi negativi duri su di te, abbassando la tua autostima.

L’antidoto a questa distorsione è cercare sfumature di grigio.

Quando abbiamo un disturbo alimentare, applichiamo questo pensiero a noi stessi e, per estensione, al nostro corpo, peso e cibo.

Crediamo di essere grassi se abbiamo anche un’oncia di grasso sul nostro corpo, nonostante il fatto che dobbiamo avere un po’ di grasso per essere vivi.

Pensiamo di aver mangiato troppo se abbiamo un feedback sullo stomaco, anche se i sentimenti di pienezza e sazietà sono un feedback biologico perfettamente naturale.

Supponiamo che lo zucchero sia cattivo anche se lo zucchero è solo un alimento che fa parte di una dieta normale

La sovra-generalizzazione è un’altra distorsione cognitiva simile al pensiero tutto o niente.
Questo pensiero porta a credere che un’esperienza o una situazione negativa descriva completamente la tua vita.

Ad esempio, pensiamo che di mangiar troppo, motivo per il quale siamo grassi, anche se mangiamo a malapena tutto il più delle volte e poi, per compensare, occasionalmente ci abbuffiamo.

Se non riusciamo a raggiungere un obiettivo di peso arbitrario, pensiamo di non aver l’intenzione di perdere peso e di dover essere infelici per tutta la vita.

Questa eccessiva generalizzazione sembra la verità assoluta.

Se questo articolo ti è apparto interessante, continua a seguirmi , nel prossimo articolo analizzeremo altri distorsioni cognitive tipiche dei disturbi del comportamento alimentare.

 

Dott.ssa Miriam Melani

VIDEOCORSO

FERMA LA FAME EMOTIVA

Ti sei mai trovato/a o tuttora ti trovi a vivere il cibo come una vera e propria ossessione al punto tale da trasformare il momento dei pasti in un “incubo”? O ancora, combatti con i chili in eccesso e per questo ingaggi vere e proprie lotte con la bilancia?

Il video corso “FERMA LA FAME EMOTIVA CON LA MINDFUL EATING” sarà in grado di offrirti una bussola per allineare le tue intenzioni con le tue azioni quotidiane.

SCOPRI DI PIU'



Contatta la psicologa

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


    Dott.ssa Miriam Melani
    Dott.ssa Miriam Melani
    Psicologa, Tutor dell'apprendimento. Da anni si occupa di attività disturbi dell'apprendimento (DSA e non), neuroscienze generali.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.