Rapporti di coppia: linee guida per una relazione sana

Rapporti di coppia: linee guida per una relazione sana

Rapporti di coppia: linee guida per una relazione sana
Vota questo post

rapporto di coppia
 «Amare non vuol dire impossessarsi di un altro
per arricchire se stesso,
bensì donarsi ad un altro per arricchirlo.
M.  Quoist

Rapporti di coppia: linee guida per una relazione sana

Tante sono le teorie formulate a proposito dei legami di coppia e altrettante quelle su le coppie in crisi; facendo propria la visione sistemica di insieme, nel momento in cui i due protagonisti della relazione interagiscono e vivono il rapporto, danno vita ad un qualcosa che è molto di più della semplice somma degli scambi tra i due partner stessi. Ed è proprio la peculiarità del legame che si viene a creare, che la coppia dovrebbe “curare” per evitare conflitti, incomprensioni e rotture definitive.

Nella letteratura clinico psicoterapeutica di coppia (Lo Verso, 2005) sono state individuate tre forme del legame di coppia, ognuna delle quali comporta la presenza o meno di conflitti o crisi di coppia:

  • Reciprocità: possibilità ed apertura al confronto e al dialogo, alla riconciliazione in caso di conflitti, riconoscimento nel partner di somiglianze e affinità ma anche di differenze, sono alcuni degli elementi che connotano un legame di reciprocità. Attraverso un ascolto empatico dell’altro e dell’impegno reciproco verso mete comuni, i due partner si muovono, pertanto, all’interno di una relazione dove i due soggetti pur rispettando l’altro nelle sue peculiarità, riescono a gestire insieme i problemi della vita quotidiana,o a progettare insieme il loro futuro, a perdonarsi a vicenda e guardare insieme al futuro.

Divisione di parti e assimilazione

  • Divisione di parti: all’interno di questo tipo di legame i partner si polarizzano all’interno di posizioni inconciliabili e in eterno conflitto. La tendenza, in questo caso, è quella di annullare tutte le somiglianze e affinità col partner per accentuare costantemente le differenze, con una forte e contrastante prevalenza della singolarità di ogni partner a discapito del senso del “noi”, della complicità, del supporto reciproco (“io sono buono, tu sei cattiva”; io sono sensibile, tu sei insensibile”)
  • Assimilazione: in maniera opposta alla divisione di parti, la similarità si caratterizza per la tendenza da parte della coppia ad annullare ogni manifestazione, ogni elemento che indichi differenze tra i due partner. Più precisamente, in questa tipologia di legame, ogni membro della coppia, da per scontato che l’altro percepisca e veda il mondo esattamente allo stesso modo in cui lo percepisce lui e quando si scontra con la diversità tenta di inglobare l’altro a sè. In caso di conflitti o di normali periodi personali di crisi, cambiamenti (ad esempio problemi di lavoro, periodi di stress,incomprensioni ecc..) è diffusa la tendenza ad attribuire la causa del proprio malessere o disagio al partner con tutte le conseguenze negative che un atteggiamento di questo tipo provoca (“sei tu la causa della mia sofferenza”)
Lettura di approfondimento:  Nuovi modelli familiari

Rapporto di coppia: strategie per una sana comunicazione

Proponiamo qui di seguito dei suggerimenti da attuare per cercare di ridurre e/o condurre su un versante funzionale il conflitto col proprio partner e risanare il rapporto di coppia:

  • durante le inevitabili discussioni è sicuramente utile imparare ad ascoltarsi in silenzio, senza ribattere a quanto dice l’altro. Questo atteggiamento, infatti, evita di incorrere in degenerazioni verbali e contribuisce, al contempo, a mantenere il rispetto e la dignità dell’unione;
  • provare ad utilizzare sempre uno stesso luogo in caso di litigi;
  • domandarsi cosa possiamo fare noi di diverso per produrre una reazione diversa nell’altro;
  • domandare piuttosto che affermare (Ad esempio, al posto di affermare: “tu mi fai arrabbiare, potrebbe essere più utile chiedere: ma secondo te questo tuo comportamento come mi fa stare?”)
  • evitare di criticare o parlare male l’uno dell’altra a terzi;
  • rispettare i principi, i valori e le tradizioni reciproche;
  • rispettare le famiglie d’origine (componente essenziale);

Voi in che tipo di legame vi riconoscete? Quali strategie utilizzate per gestire il conflitto e curare il vostro rapporto di coppia?

Bibliografia

  1. Santo Di Nuovo , Girolamo Lo Verso, Come funzionano le psicoterapie. Franco Angeli, 2005
  2. G.Nardone, “Correggimi se sbaglio” (2008), Ponte alle Grazie

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.