Attacco di panico: cosa teme di più chi è vittima del panico?

Attacco di panico: cosa teme di più chi è vittima del panico?

Vota questo post

attacco di panico

Un attacco di panico, nonostante non sia pericoloso, è un’esperienza inquietante che suscita in chi la vive, emozioni negative..

Il panico è in realtà una reazione naturale del corpo in presenza di una situazione pericolosa o presunta tale.
Per esempio, quando sentiamo che la nostra vita è minacciata (un rumore improvviso), il nostro corpo ha una risposta istintiva che aiuta a prepararci alla fuga e dunque a proteggerci dalla minaccia stessa. Questa attivazione fisiologica produce un improvviso aumento di adrenalina, accompagnata da ansia e un impulso molto intenso a fuggire-allontanarsi dalla situazione potenzialmente pericolosa. L’ansia diventa disfunzionale nel momento in cui questa finisce col prendere il sopravvento nel corso della nostra vita quotidiana, quando si manifesta in situazioni prive di evidenti minacce o pericoli o quando, infine, la persona, nel timore che il panico possa comparire, evita particolari contesti.

 …ma cosa teme di più chi vive un’attacco di panico?

E’ molto comune che, nell’esatto momento in cui una persona sperimenta un attacco di panico, questa lo interpreti come il banco di prova dell’esistenza di alcune di queste condizioni-sensazioni…

1) Sto impazzendo!

Chi vive un attacco di panico non può andare incontro alla pazzia. Le persone che impazziscono, perdono il contatto con la realtà, mentre quelle ansiose, sono “troppo” in contatto con essa. Ciò che accade è una momentanea perdita di controllo delle proprie reazioni psico-fisiologiche.

2) Sto svenendo!

Temporanee vertigini possono far credere alle persone con attacchi di panico di essere sul punto di svenire. E’ difficile, comunque, che la persona, durante una crisi di panico possa svenire, dal momento che il cuore batte più velocemente e la pressione del sangue aumenta. Gli svenimenti, infatti, la maggior parte delle volte sono causati da un improvviso calo e abbassamento della pressione sanguigna.

Lettura di approfondimento:  “Innamorarmi? No, grazie”. Quando si ha paura di amare

3) Sto avendo un infarto!

Quando il cuore inizia a battere più velocemente la gente puo’ credere di essere vittima di un attacco di cuore. Durante un infarto, il sintomo principale è una sensazione di schiacciamento dentro al petto e un continuo dolore. Un vero infarto produce un costante dolore interno crescente e chi ne è vittima non è in grado di sentire il battito cardiaco né tantomeno se ne preoccupa, dal momento che l’intenso e schiacciante dolore è l’unica cosa a cui può prestare attenzione.

4) Sto soffocando!

A volte durante un attacco di panico le persone si sentono soffocare come se non potessero riprendere fiato. La miscela di ossigeno e anidride carbonica nel sangue è sconvolta e per questo motivo le persone si sentono deboli, hanno vertigini, si sentono stordite e non riescono a respirare bene. In ogni caso il soffocamento durante un attacco di panico non è possibile. In pochi istanti, infatti, quando il corpo si calma gradualmente, la respirazione ritorna immediatamente alla normalità.

5) Perdo il controllo!

Un attacco di panico può indurre la persona a sperimentare la sensazione di perdere il controllo di sé. A volte tale sensazione sfocia nella paura di apparire nervosi in pubblico, altre volte, nella paura di essere ricoverati in ospedale d’urgenza ecc.. In realtà, a scatenare la perdita del controllo in sé è il tentativo di controllo (dei pensieri e delle sensazioni fisiche) che viene messo in atto nel tentativo di proteggersi dall’attacco di panico stesso.

L’intervento strategico breve per il trattamento del panico

Un tipo di intervento psicologico efficace per i disturbi d’ansia e il panico, è l’approccio strategico breve. Tramite questo approccio, una volta definito il problema e le relative tentate soluzioni messe in atto dal soggetto per cercare di fronteggiare il problema stesso, vengono utilizzate tecniche paradossali, prescrizioni e stratagemmi finalizzati a fornire una nuova “esperienza emozionale correttiva”, ovvero aprire al paziente una nuova “finestra” da cui osservare la realtà.

Lettura di approfondimento:  Crisi di panico: ora muoio...impazzisco! No era solo un attacco di panico!

Articolo originale

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Latest posts by Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (see all)


Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.