Esaurimento emotivo: tra dolore, sofferenza e abuso

Esaurimento emotivo: tra dolore, sofferenza e abuso

esaurimento emotivo

esaurimento emotivo

esaurimento emotivo

esaurimento emotivo

Esaurimento emotivo: lo stress che fa traboccare il vaso

Conoscere ed evitare l’esaurimento emotivo

Prova ad immaginare un bicchiere di vetro e sopra questo bicchiere, metti un ipotetico mattone.

Se il bicchiere è di buona fattura non dovrebbe avere problemi a reggere un singolo mattone.

Prova ora ad immaginarti due mattoni sopra lo stesso bicchiere: potrebbe notarsi una venatura sul vetro che percorre il bicchiere, ma non lo rompe.

Solo se si aggiunge un ulteriore mattone le venature diventano due e, unendosi, finiscono col mandare rovinosamente il bicchiere in mille pezzi.

Questo esperimento mentale ci fornisce un’ovvia verità: se qualche cosa viene sottoposta ad un peso che non è in grado di sopportare, allora questa cosa si romperà.

Esattamente come per le cose anche le persone possono andare in frantumi sotto il peso di emozioni e o situazioni che la opprimono.

Ed in questo caso le fratture possono essere meno evidenti, invisibili o volontariamente celate, ed è molto più difficile potersi rendere conto che qualcuno vicino a noi versi in quelle condizioni.

Esaurimento emotivo: la fonte dell’infelicità

Tutti abbiamo giornate no e non sempre siamo proprio di buon umore ad inizio settimana;

ma se ti senti incapace di provare felicità, se ti svegli triste e vai a dormire triste e se anche fare un sorriso a qualcuno sembra essere uno sforzo insormontabile, allora probabilmente stai soffrendo di esaurimento emotivo.

La tua energia fisica e mentale è al minimo e ti senti come svuotato delle tue emozioni e non hai quindi sufficiente energia per portare avanti le attività della giornata.

Uscire con gli amici, incontrare persone o persino contattarle diventa una noiosa fonte di fatica e ciò ti porta ad isolarti e quindi ad intristirti ancora di più.

A differenza di un problema fisico, dove spesso è relativamente facile individuare la fonte del problema e intervenire, nel campo della salute mentale, invece, può essere tutto molto molto più complicato.

I pensieri e le sensazioni che attraversano la mente di una persona possono essere  aggrovigliati e confusi come un gomitolo di lana; quindi individuare la fonte della tua stanchezza e categorizzarla potrebbe essere un compito relativamente difficile… ma non per questo impossibile!

Il compito di individuare la fonte del burn-out può essere reso più facile, provando a circoscrivere le fonti di esaurimento emotivo, ad esempio: il lavoro (nel caso dei ragazzi, la scuola) o la vita sociale, o alcune relazioni intime

Esaurimento e lavoro

Il lavoro può permeare la tua vita più di quanto dovrebbe, fino al punto di ridurre la tua vita ad un susseguirsi di ritmi scanditi da fatica e stress, senza alcuna possibilità di distrazione o di rilassarsi. Quanto detto diventa ancora più vero se il proprio impegno lavorativo viene fatto proseguire anche nelle ore dedicate al riposo o nel weekend.

Nei casi peggiori il lavoro può essere faticoso, generare stress ed essere molto impegnativo, fino a diventare una vera e propria tortura per chi lo mette in atto.

Ma questo non è il motivo per cui un individuo va incontro all’esaurimento emotivo: ti cade il mondo addosso soltanto quando ti rendi conto che il tuo sudato lavoro non viene apprezzato, non ti appaga e non viene riconosciuto come importane.

Un altro fattore è quello legato all’ambiente di lavoro: chi opera in ambienti di lavoro ad alta tensione, anche nel caso in cui non faccia sforzi fisici, viene logorato e sottoposto a stress psico-fisico, a poco a poco.

Se, per esempio, nel tuo ufficio le persone sono molto sgarbate e urlano per comunicare fra loro, farai fatica a trovarti a tuo agio ed impiegherai energie mentali ed emotive per colmare questo gap.

Esaurimento e relazioni sociali

Se siamo coscienti che le persone che ci circondano possono essere fondamentali per la nostra salute mentale, allora dovremmo renderci conto  del fatto che anche noi lo siamo per loro.

Questo aspetto ci mostra due punti di vista dell’esaurimento emotivo, problema tica dove il reciproco sostegno tra le persone, fallisce.

Se si è circondati da persone che non danno importanza al nostro mondo emotivo ci si può sentire come in una bolla, isolati ed incapaci di chiedere aiuto se, per qualche vicenda della vita, il carico emotivo è troppo pesante da portare da solo.

In seconda istanza ci si può imbattere in persone che si affidano a noi in modo esagerato, confidandoci ogni loro problema e ricoprendoci di aspettative del tutto irrealistiche.

Questo può portare ad un eccessivo impegno che conduce velocemente all’esaurimento, anche perché il risultato sarà facilmente insoddisfacente e gli sforzi compiuti, vani.

Esaurimento e amore

Chiunque abbia vissuto le cosiddette pene d’amore ha sperimentato quanto sia distruttivo emotivamente, il lento logorarsi di una storia destinata a non funzionare.

Capita molto spesso che sia un componente della coppia a portare l’altro all’esaurimento emotivo poiché l’estinguersi di una relazione è qualcosa che ci dà un forte dolore.

Ciò è dovuto essenzialmente ai propri sentimenti contrastanti, che oscillano dall’affetto che proviamo per quella persona, al fatto che abbiamo realizzato di essere incompatibili con lei.

Non sempre si tratta solo di incompatibilità: nei casi più gravi l’esaurimento passa a un livello di gravità superiore, ossia quello dell’abuso. Esso si può perpetrare nei peggiori modi, che spaziano dalla violenza verbale a quella fisica.

Tutto ciò meriterebbe un approfondimento a parte (presente in altri articoli di questa pagina), ma rende molto bene l’idea della sofferenza di chi è vittima di esaurimento emotivo e di come lo si può essere a più livelli.

Approfondisci il tema dell’esaurimento emotivo, leggi il mio articolo

Esaurimento emozionale: come si manifesta e come evitarlo

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare a Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Articoli recenti a cura della Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano (guarda tutto)


Lettura di approfondimento:  Rumori fastidiosi: la misofonia

Contatta la psicologa

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Comments are closed.