Rilassamento distensivo progressivo nella sport e non solo
Rilassamento distensivo progressivo nello sport e non solo
Vota questo post

rilassamento distensivo progressivo

Rilassamento distensivo progressivo nella prestazione sportiva

Quali sono i passi che guidano un atleta verso una perfomance impeccabile? In che modo un calciatore, un tennista o una squadra di pallavolo possono mettere in pratica la “tattica perfetta” anche in situazioni di difficoltà o di svantaggio rispetto all’avversario?

Un buon livello di controllo delle emozioni e dei pensieri negativi, dello stress, una gestione efficace dei fattori di distrazione, insieme al costante allenamento fisico, permettono all’atleta, di compiere prestazioni sportive eccellenti. Affinchè ciò si possa realizzare, è necessario che l’atleta segua un programma di mental training costruito ad hoc per lui e le sue caratteristiche non solo prettamente fisiche e sportive, ma anche rispetto alle sue personali inclinazioni, alla sua personalità e ai suoi ritmi.

Una tecnica molto diffusa, nei programmi di mental training, è quella del rilassamento distensivo progressivo

 

Quali sono le applicazioni della tecnica del rilassamento distensivo progressivo nei programmi di allenamento mentale?

Le tecniche di rilassamento consentono all’atleta di:

  • Gestire al meglio eventi e situazioni fonti di stress e ansia
  • Prendere consapevolezza dei propri stati di tensione muscolare, sia in condizioni di riposo che in condizione di attività fisica
  • Prendere coscienza del proprio corpo e saperlo “ascoltare”

Come funziona una sessione di rilassamento distensivo progressivo in un programma di mental training?

La tecnica del rilassamento distensivo progressivo* si basa sulla concentrazione nelle varie zone del corpo, da sottoporre a rilassamento. Le parti del corpo interessate in successione, sono: piedi, polpacci, gambe, addome, braccia, mani, collo e muscoli del viso. L’intera sessione può durare da 5 a 10 minuti circa.

Lettura di approfondimento:  La psicologia clinica dello sport

Praticando il rilassamento distensivo-progressivo, l’atleta si renderà conto e prenderà consapevolezza delle proprie zone di maggiore tensione che,solitamente, sono: polpacci, collo, spalle ecc…

Per praticare il rilassamento è importante che lo sportivo scelga un luogo tranquillo ed un orario che gli permetta di non essere disturbato da impegni o persone. Utile, per trovare una maggiore e più rapida concentrazione, è l’ausilio di qualsiasi genere musicale  (stile new age) che aiuti a distendersi e rilassarsi. E’importante, inoltre, precisare che risulta basilare l’atteggiamento mentale col quale l’atleta si approccia alla pratica del rilassamento distensivo: lo scetticismo, da un lato e un’aspettativa elevata circa risultati eccellenti in tempi brevi, portano a rendere meno efficace la seduta di rilassamento stesso.

Dott.ssa Simona Lauri, Psicologa Milano

*Associazione Italiana di Psicologia dello Sport di Roma

 

Commenti Facebook

Dott.ssa Simona Lauri - Psicologa Milano

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Psicologa e psicoterapeuta breve strategica. Oltre che offrire interventi di psicoterapia breve, mi occupo di coaching alimentare e sportivo.

Contatta la psicologa

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.